venerdì 6 aprile 2018

Timidi tulipani


Probabilmente sarò controcorrente, ma i tulipani non mi hanno mai entusiasmata: sì, sono spettacolari in gruppo, ma in un giardino piccolo come il mio, in numero ristretto, non mi pare che riescano a spiccare come i loro rivali narcisi.
Nonostante non li ami alla follia, questo gruppetto di tulipani regalati da mia nonna in occasione di una gita in Olanda continuano a fiorire e a moltiplicarsi: ormai mi ci sono pure affezionata!





mercoledì 4 aprile 2018

E' il turno dei narcisi Accent!


Finalmente sono fioriti anche i miei amati narcisi Accent: che colori super romantici!
Sotto la pioggia il rosa salmone della trombetta sembra ancora più intenso...



Con il sole, invece, è il bianco dei petali a risultare particolarmente luminoso.


E' una varietà originale e che fiorisce a lungo: la consiglio sicuramente a chi ha voglia di un narciso  diverso dal classico giallone. Oltretutto non è nemmeno molto costosa: 6 bulbi da Raziel, dove li ho comprati anch'io qualche anno fa, costano ancora 5 € (link).

lunedì 2 aprile 2018

Un narciso piccolo piccolo...

Guarda guarda cosa si nascondeva in giardino!


Se non avessi un occhio di falco non lo avrei nemmeno notato: si tratta di uno dei narcisi a sorpresa che ho comprato in stock la scorsa primavera (link): è grande come mezza falange, giallo pastello sui petali e con una trombetta corta di un tono un po' più scuro. 

Ma quanto minuscolo sei???
A fine fioritura sposterò certamente tutti i bulbi appartenenti a questa varietà lungo il bordo dell'aiuola: quando li ho piantati non avevo idea di quale sarebbero state le dimensioni dei fiori così sono andata un po' a occhio.  Adesso devo rimediare agli errori.

Quale sarà il prossimo narciso a fiorire?

sabato 31 marzo 2018

La mia Chaenomeles japonica un anno dopo la potatura

In questi giorni ho avuto modo di osservare bene la mia vecchia Chaenomeles japonica/Fiore di pesco/Cotogno giapponese (per una descrizione generale di questo arbusto rimando ad un  post di qualche tempo fa [link]). 
Negli ultimi anni aveva cominciato a fiorire in maniera meno abbondante soprattutto alla base, così lo scorso anno, a fine fioritura, ho proceduto con una bella potatura. Come?


POTATURA DEL FIORE DI PESCO/ CHAENOMELES JAPONICA

Periodo: dopo la fioritura (fine aprile - primi di maggio)
 
1) Eliminazione dei rami morti o deboli
2) Eliminazione dei rami che si incrociano
3) Eliminazione di qualche vecchio ramo dal centro per aerare il centro dell'arbusto e intorno per stimolare la formazione di nuovi rami.

Il risultato mi pare buono e quest'anno ripeterò sicuramente l'operazione!




martedì 27 marzo 2018

Esperimento ispirato alla tv: canne di bambù per divaricare i rami di una rosa

Qualche settimana fa, mentre facevo zapping, sono capitata su un canale in cui stava andando in onda un programma, "Giardinieri in affitto", in cui una famiglia viene aiutata a valorizzare il proprio giardino da un progettista e da un giardiniere (con un delizioso accento inglese). 
Mi sono soffermata a guardare la puntata perchè in quel momento il giardiniere stava mostrando alla padrona di casa come utilizzare delle canne di bambù per tenere divaricati i rami di un giovane albero da frutto piantato molto vicino a un muro in modo che, nonostante la posizione poco felice, la sua  chioma potesse crescere ampia e ariosa. 
In cosa consisteva il procedimento?  
Su entrambe le stremità di una canna di bambù veniva realizzata un'incisione a "v", in ciascuna delle quali sarebbe stato alloggiato uno dei due rami da tenere allontanati tra loro. La zona di appoggio dei rami dell'albero alla canna di bambù veniva prima protetta da eventuali danni da sfregamento annodandovi attorno una striscia di pannospugna da cucina. Era la stessa forza di repulsione tra i rami a tenere la canna di bambù in posizione: mi è sembrata un'idea molto ingegnosa e me la sono segnata per il futuro.
In seguito mi è venuto in mente che avrei potuto provare a riadattare questa tecnica per la mia Rosa chinensis mutabilis, che negli ultimi due anni ha avuto qualche problema di crescita: si è piegata tutta in avanti, lasciando nella zona sinistra della chioma un grosso buco. I rami rimasti nella zona retrostante, invece, sono ammassati gli uni sugli altri.
Qualche giorno fa il mio vicino di casa ha ridotto di larghezza un gruppo di canne di bambù, così gli ho chiesto qualche scarto per tentare l'esperimento. Purtroppo, essendo ancora verdi, le canne di bambù del vicino non erano facilmente lavorabili come quelle secche del programma televisivo. Alla fine, invece che per lo scanso a "v", ho dovuto optare per un'incisione verticale  delle canne. Ho inserito all'interno dell'incisione i rami, che ho anticipatamente protetto con vari giri di strisce di stoffa ricavate da un vecchio strofinaccio (alternativa al pannospugna proposta all'interno del programma televisivo). 
Funzionerà? Tentar non nuoce, no? 
A presto per aggiornamenti!

Il punto in cui ho inserito le canne di bambù per allargare i rami della rosa cresciuti troppo uniti

L'esperimento visto da vicino

Gruppo di bambù del vicino

martedì 20 marzo 2018

Quando potare diventa un enigma

Oggi ho approfittato del sole per potare un paio di rose che non posso proprio lasciare al naturale: spero soltanto che non nevichi di nuovo, sennò è finita!
Da notare la mia posa pensosa davanti alla chinensis mutabilis... Ammetto che sono tuttora scettica sul risultato dell'operazione.
Il prossimo anno devo anticipare la potatura delle rose a novembre come mi è già stato consigliato, così (forse) in questo periodo dell'anno non vivrò più nell'ansia!

Paparazzata!

domenica 18 marzo 2018

A caccia di particolari: i rami nudi della Banksiae lutea

Manca ancora almeno un mese e mezzo alla fioritura delle prime rose, ma il vantaggio dell'attuale assenza di fogliame è che si possono notare dei particolari che durante la bella stagione, con fiori e foglie a catalizzare l'attenzione, sfuggono facilmente. 
In questo momento, infatti, si può osservare bene una caratteristica che è propria dei rami delle rose banksiae adulte: la parte più esterna dei rami si sfoglia mostrando quella  più interna, che sembra formata da strati sovrapposti di carta velina di un colore tra il rosso ed il marrone. Ha un suo fascino!


Ed ecco come si presenterà la mia banksiae lutea in aprile, se tutto va bene!

Fioritura 2017 della mia banksiae lutea

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...